Uil scuola
Uil scuola
Scuola e Lavoro

Scuola, la denuncia della Uil Puglia: «Meno della metà degli istituti ha certificato di agibilità»

L'organizzazione sindacale ne discuterà mercoledì 23 novembre in un evento all'istituto Calamandrei di Bari

La denuncia della Uil scuola Puglia: su 2.458 Istituti scolastici presenti in regione, soltanto 953 hanno il certificato di agibilità.

Questo ed altri temi saranno al centro dell'iniziativa organizzata dalla Uil scuola Puglia e Bari-Bat per mercoledì 23 novembre, dalle 9 alle 13, presso l'auditorium dell'istituto alberghiero "Calamandrei" di Carbonara, a Bari (via G. Del Bufalo, 1), alla presenza del segretario generale nazionale della UiL Scuola, Giuseppe D'Aprile, del segretario nazionale UIL Scuola, Paolo Pizzo, del direttore generale dell'Ufficio Scolastico Regionale della Puglia, Giuseppe Silipo e del segretario generale regionale della UIL Scuola Puglia e Bari-Bat, Gianni Verga.

«Stiamo vivendo - spiega Verga - un momento estremamente delicato per il Paese, in cui la scuola sta pagando un prezzo altissimo. Un territorio che vuole ripartire verso la crescita e lo sviluppo, dovrebbe investire nell'istruzione e nel sistema scuola, invece assistiamo a interventi spot da parte della politica. Il rinnovo del contratto nazionale di lavoro rappresenta soltanto un piccolo segnale di riconoscenza per un settore caratterizzato da una vacanza contrattuale di oltre tre anni che non tiene conto del costo reale della vita. I tagli indiscriminati nell'ultimo decennio, il precariato dilagante, le difficoltà di garantire la sicurezza degli studenti e dei lavoratori in un territorio, quello regionale, che conta poco più di un terzo degli istituti non in regola con l'agibilità. A questo si aggiunga che sempre su 2.458 Istituti, 1.510 hanno il certificato di collaudo statico e 633 hanno il certificato prevenzione incendi».

«Tutto ciò - continua Verga - è il frutto di anni in cui la scuola ha pagato il duro prezzo del distacco tra politica e mondo reale. In un simile contesto, i sindacati, le Rsu e le figure di sistema, si ritrovano in prima linea, ultimi baluardi di milioni di lavoratori che chiedono il rispetto dei propri diritti. A loro vogliamo dare voce per tracciare la linea verso un futuro che veda la scuola protagonista e al centro dell'agenda politica del Paese».
  • Scuola
  • Uil scuola
Altri contenuti a tema
Alunna dislessica bocciata, il Tar accoglie il ricorso della famiglia Alunna dislessica bocciata, il Tar accoglie il ricorso della famiglia La scuola non avrebbe tenuto conto delle difficoltà certificate della ragazza
Global teacher award 2022, vince ancora il Panetti. Premiata la professoressa Raspatelli Global teacher award 2022, vince ancora il Panetti. Premiata la professoressa Raspatelli Dopo il marito, Antonio Curci, anche alla moglie l'importante riconoscimento per il lavoro con "Radio Panetti"
Progetti socio-culturali nelle scuole, dal Comune di Bari contributi fino a 5mila euro Progetti socio-culturali nelle scuole, dal Comune di Bari contributi fino a 5mila euro Romano: «Intendiamo supportare le attività degli istituti che costruiscono il piano dell’offerta formativa»
Buoni per le scuole paritarie private convenzionate, online il bando del Comune di Bari Buoni per le scuole paritarie private convenzionate, online il bando del Comune di Bari Le domande dovranno pervenire entro l’11 novembre prossimo, a pena di esclusione
Zaini troppo pesanti? Da Bari una petizione per "abolirli" Zaini troppo pesanti? Da Bari una petizione per "abolirli" A lanciarla Benedetta Maffia voce del blog "Come nasce una mamma"
Scuole d'infanzia comunali di Bari, pubblicata le graduatorie delle supplenze Scuole d'infanzia comunali di Bari, pubblicata le graduatorie delle supplenze Avranno durata triennale. Tutte le info
Scuola, a Bari manca il personale Ata. Sit-in di protesta in piazza Prefettura Scuola, a Bari manca il personale Ata. Sit-in di protesta in piazza Prefettura Ad oggi non ci sono 714 unità. La manifestazione il prossimo 30 settembre
Caro libri, 150 euro di rimborso per i lavoratori di aziende dell'Ente Bilaterale del Terziario di Bari e della Bat Caro libri, 150 euro di rimborso per i lavoratori di aziende dell'Ente Bilaterale del Terziario di Bari e della Bat Ecco le modalità di accesso, chi può fare domanda e tutte le scadenze
© 2001-2022 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.