marras candellone antenucci. <span>Foto Ssc Bari</span>
marras candellone antenucci. Foto Ssc Bari
Calcio

Una vittoria per scacciare via veleni e paure, il Bari riparte dalle sue certezze

Antenucci e Marras sempre più fattori decisivi per i biancorossi. Ora inizia un nuovo percorso per Auteri e i suoi biancorossi

Una vittoria per scacciare via le nubi. Per il Bari il successo, rotondo, nel derby con la Virtus Francavilla va ben oltre i tre punti conquistati sul campo, anche perché arriva al termine della settimana più dura della gestione Auteri, fatta di veleni, paure, verità non dette. Un 4-1 convincente per diradare le ombre e i fantasmi che si erano addensati sul mister dopo lo stentato successo contro il Bisceglie, e soprattutto dopo le dichiarazioni poco "ortodosse" del tecnico al termine della partita.

La decidono Marras e Antenucci con le loro doppiette; non due a caso, ma i due soli più luminescenti attorno a cui ruota il costituendo firmamento biancorosso. Una vittoria importante per diversi motivi, innanzitutto perché il Bari la raggiunge dopo un primo tempo tutt'altro che facile. L'avvio è buono, goal annullato a Marras per fuorigioco millimetrico e occasione di Antenucci che spara in faccia a Crispino, poi i galletti si trovano a soffrire le iniziative della Virtus di Trocini, «Squadra che ha accettato il confronto», come l'ha definita Auteri. Frattali salva su Vazquez e tiene a galla i suoi a metà del primo tempo.

Una scossa niente male per i galletti, posti davanti al bivio fra la solita prestazione da incompiuta e una svolta innanzitutto mentale. Dopo la mezz'ora succede tutto e il contrario di tutto: al 33' Marras crossa, Candellone (titolare "a sorpresa" e in netta crescita) fa da sponda, Antenucci calcia di destro in buca d'angolo. Schema perfetto per un vantaggio effimero, perché al 37' Rolando perde palla a sinistra, Ciccone va via e mette in mezzo per Castorani, che imita Antenucci e fa secco Frattali di destro.

Sembra il solito copione da psicodramma; ma è qui che il Bari inizia a fare il Bari, finalmente verrebbe da aggiungere, scrollandosi di dosso quella tensione di cui ha parlato il tecnico nel post gara, e che troppe volte si è vista in questa stagione. Di Cosmo è ingenuo a toccare in area Marras, che a sua volta è furbo ad andare giù appena avvertito il contatto. Rigore procurato e trasformato, è il "la" alla riscossa biancorossa della ripresa. La Virtus gradualmente sparisce dal campo, e il crescente feeling Antenucci-Marras fa il resto. Prima il folletto col numero 10 si avventa su una palla lunga mal letta dalla difesa ospite e con il suo pallonetto beffardo mette alle spalle di Crispino, poi lancia il 7 in porta sfruttando un errore in impostazione degli uomini di Trocini. È il punto esclamativo su un'intesa che per questa squadra sta diventando sempre più un fattore; quando parlano la stessa lingua calcistica, gli avversari non hanno neanche il tempo di consultare il dizionario. I due approfittano degli spazi aperti dal fisico di Candellone, si cercano, si trovano: quando il 7 manda in porta il 10 è solo il palo a dire di no al pokerissimo.

Segnali confortanti provengono anche dai nuovi arrivi: vero, Rolando sbaglia tutto in occasione del pari della Virtus, ma nella ripresa mette le marce alte e fa vedere di essere l'elemento che sulla fascia salta l'uomo, crea superiorità e getta scompiglio fra gli avversari. Di Montalto si sono perse le tracce («Era distratto da altre situazioni», ha detto Auteri, probabilmente a ore saluterà), ma è in arrivo Cianci, attaccante "di categoria", nonché barese col pedigree.

Insomma, forse le tessere del puzzle iniziano ad andare al loro posto, ed è proprio adesso che bisogna insistere e schiacciare sull'acceleratore. La Ternana continua a vincere, il margine resta ampio, ma in questo momento appare una questione secondaria. Per Auteri l'obbligo è riportare un po' di fiducia nella piazza e di entusiasmo fra i tifosi, sentimenti che dopo Bisceglie hanno rischiato di incrinarsi irrimediabilmente. La rincorsa al primo posto, a oggi, appare un affare ancora troppo complicato, ma nulla vieta al Bari di crederci e – soprattutto – di utilizzare questo girone di ritorno come "training" in vista dei playoff. Un obiettivo assolutamente alla portata dei biancorossi, che stavolta avvertono ancora più pressante l'obbligo di non fallire.
  • ssc bari
Altri contenuti a tema
Verso Bari-Potenza, Carrera: «Dobbiamo andare a mille. Questo gruppo è una famiglia» Verso Bari-Potenza, Carrera: «Dobbiamo andare a mille. Questo gruppo è una famiglia» Il mister alla vigilia: «La squadra ha imparato a sacrificarsi e a difendersi in undici. Il Potenza? Avversario da non sottovalutare»
SSC Bari, il presidente compie 42 anni festa negli spogliatoi SSC Bari, il presidente compie 42 anni festa negli spogliatoi Improvvisata nel post allenamento tutti insieme per il compleanno di Luigi De Laurentiis
Cinico e concreto, un Bari corsaro si rilancia anche in trasferta Cinico e concreto, un Bari corsaro si rilancia anche in trasferta La doppietta di Marras manda al tappeto la Juve Stabia e riaccende le ambizioni dei biancorossi. È lotta con l’Avellino
Doppio Marras, il Bari torna al successo esterno: 0-2 alla Juve Stabia Doppio Marras, il Bari torna al successo esterno: 0-2 alla Juve Stabia Il numero 10 biancorosso va in rete a cavallo dei due tempi di gioco. I galletti rispondono all'Avellino
Verso Juve Stabia-Bari, Di Cesare torna disponibile. Out Bianco e Maita Verso Juve Stabia-Bari, Di Cesare torna disponibile. Out Bianco e Maita Ecco la lista dei convocati per la partita di oggi pomeriggio
Verso Juve Stabia-Bari, Carrera: «Sarà una battaglia. In campo la formazione migliore» Verso Juve Stabia-Bari, Carrera: «Sarà una battaglia. In campo la formazione migliore» Il mister: «Modulo? Il 4-2-3-1 si adatta alle caratteristiche della squadra. Celiento sta bene, valuterò. Fin qui troppe espulsioni inutili»
Maita disfa, Cianci risolve. Il Bari è un “trenino” che riparte Maita disfa, Cianci risolve. Il Bari è un “trenino” che riparte La vittoria in 10 uomini nel derby con il Foggia ridà certezze alla squadra di Carrera. Ora si cerca continuità
Cianci goal capolavoro, il Bari fa suo il derby in 10. Battuto il Foggia: 1-0 al San Nicola Cianci goal capolavoro, il Bari fa suo il derby in 10. Battuto il Foggia: 1-0 al San Nicola Un gioiello su punizione dell'attaccante biancorosso regala il successo a Carrera, nonostante l'espulsione di Maita nel primo tempo
© 2001-2021 BariViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BariViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.